Cosa è sucesso all’evento APOI 2018?

Si è concluso da pochi giorni il quinto evento di APOI, l’Associazione di Professional Organizer italiani. La sorridente Bologna ci ha ospitato sabato 27 ottobre presso Sympò per una giornata piena di entusiasmo e condivisione.

Come ogni anno questo evento è il momento in cui gli associati si ritrovano per scambiare i resoconti dell’anno appena trascorso e per incontrare il pubblico di curiosi e interessati ai temi dell’organizzazione.

Organizzare Italia è partner di APOI e dell’evento dalla sua prima edizione, perché crede che le sinergie tra Professional Organizer di tutta Italia contribuiscano alla diffusione della cultura dell’organizzazione, intesa come insieme di metodi e strumenti per godere al meglio della propria vita.

E allora ecco che durante il pomeriggio anche i collaboratori di Organizzare Italia hanno tenuto workshop e fatto consulenze ai partecipanti: il bello di questo evento è che le persone sono incoraggiate a chiedere consigli per migliorare la propria organizzazione di casa, del lavoro e del proprio tempo, col desiderio di metterli in pratica fin da subito. Tra il pubblico molte persone erano impegnate a prendere appunti!

Il progetto “Educare all’organizzazione” ci sta molto a cuore ed è stato proposto tra i workshop di quest’anno. In una breve presentazione, è stata spiegata l’importanza di apprendere le abilità organizzative fin da piccoli, come se fossero un gioco e di consolidarne l’apprendimento durante gli anni della crescita. Queste abilità permetteranno così agli adulti di domani di avere buone e solide basi per affrontare la vita, lavorativa e privata.

Il pubblico ha compreso e riconosciuto l’importanza di acquisire queste competenze il prima possibile ed è per chi condivide questo pensiero che è pensato il corso “Organizzare con e per bambini e ragazzi” che si terrà a Bologna il 16 e 17 novembre 2018! 


Con grande piacere, in platea, abbiamo ritrovato anche chi da poco ha concluso i percorsi di formazione proposti da Organizzare Italia e si sta affacciando alla professione.

Questa è una bella occasione per i P.O. per confrontarsi, scambiarsi metodi di lavoro e imparare gli uni dagli altri.

In conclusione, ci piace ricordare che l’evento APOI di quest’anno si è svolto nel Comune che per primo ha firmato il protocollo di intesa mirato a iniziare azioni di sensibilizzazione e prevenzione del “disturbo da accumulo”. APOI, col supporto di Organizzare Italia in quanto partner dell’associazione, ha formato in questi anni Professional Organizer in grado di supportare chi ha bisogno d’aiuto in questo campo.

L’evento APOI è un momento prezioso e coinvolgente, per questo Organizzare Italia non mancherà nemmeno l’anno prossimo!
Arrivederci all’ evento APOI 2019!

Paola Tursi

Paola Tursi

Cammino volentieri nella natura e in città; amo cantare a squarciagola anche se non sono sempre un usignolo; davanti a un bicchiere di buon vino in compagnia non mi tiro mai indietro. Adoro le lingue e quando viaggio imparo alcune frasi per “conversare” in lingua originale, quello che non dico lo aggiungo gesticolando (tanto, anche in italiano!). Mi piace tutto quello che mi fa ridere di gusto e fino alle lacrime. Ogni anno scelgo una parola guida e quest’anno ho eletto spensieratezza!

12 Condivisioni

Lascia un commento

B Corp
Organizzare Italia è una Certified B Corporation®, un network globale di aziende e persone che usano il business per risolvere problemi sociali e ambientali. Le B Corporation competono per essere non solo le migliori al mondo, ma le migliori per il mondo!

APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

Organizzare Italia sostiene quest’anno la Lega Italiana Fibrosi Cistica Associazione Veneta Onlus è impegnata a migliorare la qualità di vita dei malati di Fibrosi Cistica, finanziare acquisto di strumentazioni mediche, ricerca di base e master di specializzazione sulle problematiche della fibrosi cistica alimentando concrete speranze di poter curare questa malattia. Per più informazioni clicca qui.