Riaprono le scuole!

Come organizzare il nuovo inizio coi bambini? Accorgimenti per età e i passaggi più delicati.

Manca ormai poco alla riapertura delle scuole, tutto deve essere pronto per i nostri bambini.

Certamente i genitori più previdenti hanno già predisposto tutto il materiale necessario e si sono organizzati per tempo, ma può esserci qualcuno che si trova un po’ disorientato, specialmente se il suo bambino cambia Ordine di Scuola, cioè affronta il passaggio dalla Infanzia alla Primaria (Elementari) o dalla Primaria alla Secondaria (Scuole Medie).

Eccomi allora a suggerirvi alcuni accorgimenti perché tutto possa avvenire in modo tranquillo e ci si possa concentrare sulla serenità dei nostri figli, che è la cosa più importante. Infatti se abbiamo l’accortezza di pianificare bene alcune cose, avremo la mente, e soprattutto il cuore, liberi per essere a fianco dei nostri bimbi in questo momento emozionante e delicato.

1) PASSAGGIO INFANZIA – PRIMARIA

Il bambino lascia un Nido rassicurante e conosciuto per un ambiente molto diverso. Non è più un Nido, ma un Trampolino di lancio. Ci vuole coraggio e se tuo figlio parte carico ed entusiasta perché è giustamente curioso di scoprire, osserva bene le sue reazioni e le sue emozioni, esse ti aiuteranno a capirlo e a stargli vicino nel modo migliore.

  • Controllo del materiale: avrai certamente già acquistato il necessario, fai un ultimo controllo e se manca qualcosa approfittane per andare a comprarlo con tuo figlio/a; in ogni caso coinvolgilo sempre negli ultimi preparativi. Questo ultimo giro di acquisti farà rinvigorire l’entusiasmo nel tuo bambino.
  • Valorizza il suo “spazio identità”: avrai preparato un luogo dove svolgerà i suoi compiti per dare rilievo alla sua identità di figlio che cresce. Valorizzalo con qualche accessorio che sai può piacere a tuo figlio. Non preoccuparti che utilizzi da subito la sua nuova Scrivania, lo farà quando sarà pronto.
  • Imposta da subito Tempi e Routine: sappiamo quanto sono importanti le Routine per un bambino, gli infondono sicurezza e lo aiutano ad acquisire le buone abitudini. Sono necessarie anche per avviare ad una buona gestione del proprio tempo, perciò inizia senza tentennamenti.
  • Autonomia a piccoli passi: fai in modo che pian piano diventi autonomo partendo dalle piccole cose, ad esempio che impari ogni sera a preparare gli indumenti e la cartella per l’indomani; poi via via sempre in crescendo.
  • Collaborazione – Corresponsabilità – Autostima: inizia a concordare con tuo figlio/a alcune piccole mansioni che dovrà svolgere per collaborare in famiglia; questo passaggio non è solo in funzione dell’organizzazione della casa e della famiglia, ma è anche segno di stima e di partecipazione, perciò se avrà bisogno di aiuto all’inizio del suo cammino scolastico, non avrà problemi a chiederlo, dal momento che anche voi lo avete chiesto a lui/lei. 

2) PASSAGGIO PRIMARIA – SECONDARIA

Questo ulteriore salto di crescita per i nostri bambini-ragazzi è altrettanto delicato ed importante. In questa età il fattore organizzativo riveste una grande importanza, infatti la Scuola Secondaria è di gestione molto più complessa rispetto alla Primaria e non sempre i bambini in 5 elementare hanno acquisito una buona autonomia nell’organizzazione personale. Per questo motivo i genitori e gli insegnanti devono dare particolare supporto a questo nuovo inizio.

Ripercorriamo i punti del precedente passaggio e vediamo come leggerli e completarli in questa nuova età.

  • Controllo e gestione del materiale: all’inizio della Scuola Secondaria il ragazzo si trova ad avere una grande quantità di libri e quaderni e tanto altro per le discipline più tecniche; è bene partire da subito con un luogo dedicato (piccola libreria o scaffale), dove può riporlo con ordine, cercando un metodo a lui congeniale (libri e quaderni associati per materia, oppure abbinare un colore a ciascuna materia per visualizzare immediatamente il materiale necessario, oppure suddividere le materie letterali dalle scientifiche, solo alcuni esempi…)
  • Nuovo utilizzo del suo “spazio identità”: in questa fase il suo spazio per studiare assume una valenza molto più forte. E’ necessario che il ragazzo/a inizi ad utilizzarlo con più regolarità ed a gestirlo con ordine. Aiutiamoli e abituiamoli ad avere una Scrivania “essenziale”, con esclusivamente gli strumenti per lo studio, senza utilizzarla come piano d’appoggio per qualsiasi cosa. Spazio libero = mente libera.
  • Tempi e Routine: anche questi ambiti ora assumono grande rilievo. Cerchiamo di accompagnare i nostri ragazzi ad una buona Gestione del loro tempo, a distribuire bene il tempo dello Studio e quello dello Svago, perché non siano troppo sbilanciati e creino in loro tensioni. Una strategia è quella di aiutarli a pianificare giorno per giorno, in modo che imparino di quanto tempo hanno bisogno per ciascuna attività. Necessarie e gratificanti devono essere le “pause” brevi ma piuttosto frequenti.
  • Autonomia: ecco che si presenta il grande obiettivo della Scuola Secondaria: raggiungere l’autonomia. E’ bene iniziare a sostenerla, sottolineare e lodare ogni successo, invitare a provare e riprovare senza abbattersi per gli inevitabili fallimenti. Le grandi vette si raggiungono un passo dopo l’altro.
  • Collaborazione – Corresponsabilità – Autostima: a questa età inizia un po’ la ribellione per la collaborazione domestica; questo è il momento di non cedere alle loro proteste perché è quanto mai importante che non perdano questo senso di corresponsabilità, necessario per avviarli alla collaborazione nello studio, alla scoperta dei talenti propri e altrui, alla comprensione che ogni traguardo non si raggiunge mai da soli. E’ un avvio importante per l’allenamento della Volontà.

E come dico spesso ai ragazzi che incontro nelle classi:

Ogni nuova impresa che inizia, ha in sé la forza di conquistare il futuro.

Emanuela Tirabassi

Emanuela Tirabassi

Mi sento Educatrice ed Insegnante da sempre. Ho iniziato presto a mettermi in gioco in campo educativo, nella Formazione, nello Sport e poi nella Scuola. E’ nata così in me una vera passione per l’Educazione. Dopo tanti anni a contatto con bambini e ragazzi ho sentito che dovevo trovare nuove strategie per far fronte alle esigenze della moderna Società, troppo frenetica, distratta e poco “a misura di bambino”. Il mondo professionale di Organizzare Italia mi ha dato le risposte e soprattutto le strategie vincenti per completare il mio percorso e darmi una nuova professionalità da spendere a vantaggio delle nuove generazioni. E’ nata la KIDS P.O. Professional Organizer per Bambini e Ragazzi.

28 Condivisioni

Lascia un commento

B Corp
Organizzare Italia è una Certified B Corporation®, un network globale di aziende e persone che usano il business per risolvere problemi sociali e ambientali. Le B Corporation competono per essere non solo le migliori al mondo, ma le migliori per il mondo!

APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

Organizzare Italia sostiene quest’anno la Lega Italiana Fibrosi Cistica Associazione Veneta Onlus è impegnata a migliorare la qualità di vita dei malati di Fibrosi Cistica, finanziare acquisto di strumentazioni mediche, ricerca di base e master di specializzazione sulle problematiche della fibrosi cistica alimentando concrete speranze di poter curare questa malattia. Per più informazioni clicca qui.