Abbonati

Piano d’azione per le pulizie di primavera!


di Fabiola Di Giov Angelo

Le pulizie di primavera non sempre godono di una buona reputazione. A volte sono  percepite nella maniera sbagliata, considerate fonte di lavoro extra, detrattrici di tempo e riposo, obbligo piuttosto che scelta. Renderle più piacevoli, e a volte anche divertenti, si può, basta partire con il piede giusto e adottare quegli accorgimenti che ci restituiscono beneficio e soddisfazione.

La prima cosa da fare, quindi, è cambiare l’approccio e pensare a questo lavoro domestico come ad un progetto e ad un alleato per il nostro benessere. Eh sì, perché il benessere passa anche attraverso il modo di vivere la  casa. Facciamoci ispirare dalle parole di Maxwell Gilligham-Ryan che nel suo libro“Apartment Therapy. Come portare equilibrio, salute e benessere nei propri spazi” induce a considerare il proprio appartamento come un organismo vivente che ha bisogno di cura e attenzione per essere sano e regalare a chi lo abita una vita gratificante. E allora le pareti, il pavimento, il soffitto, le finestre, sono le ossa della nostra casa e a tenerle pulite con regolarità si traggono benefici, la disposizione dei mobili rappresenta il respiro o flusso, i colori, le forme e i tessuti scelti rappresentano il cuore della casa ed infine l’arredamento è considerato la testa, ossia l’espressione di come e del perché si usa la casa. Quindi dedicare il proprio tempo e le proprie energie alla cura della propria abitazione anche attraverso una pulizia approfondita è importante e visto che ci siamo possiamo passare in rassegna tutto e fare un check up completo della casa, ne va del nostro benessere!

La seconda cosa da fare è pianificare, stabilire tempi e modi del nostro progetto “pulizie di primavera”. Che sia una casa piccola o grande è giusto fare bene una cosa per volta e dividere per step, magari accorpando ambienti domestici affini, tipo: cucina, soggiorno e salotto, le camere da letto, bagni e ripostigli. Stabiliamo una data e dedichiamoci, se possibile, esclusivamente a quanto stabilito, indossiamo gli abiti adatti e arriviamo alla data pronti e con tutto l’occorrente per portare a termine il lavoro. Se ci fa piacere possiamo farci aiutare da qualcuno: ad esempio possiamo dividere i compiti con il resto della famiglia e trasformarlo in un momento di condivisione, oppure proporre ad un’amica di darci una mano, e ovviamente a lei restituiremo il favore, o infine ricorrere alla persona che ci aiuta in casa abitualmente pianificando con il suo aiuto e in sua presenza le fasi del lavoro. Un’abitudine funzionale a questa operazione di pulizia profonda è cominciare qualche giorno prima ad alleggerire gli spazi domestici dal superfluo, da ciò che è inutile, da ciò che aspetta da un po’ di essere buttato o dagli intrusi in quella stanza o su quello scaffale. Se liberiamo in anticipo un po’ di spazio sarà più facile pulire e non dovremo prenderci cura di quello che non ci serve.

Infine è importante godere del lavoro fatto e apprezzarne i vantaggi e i benefici! La casa è sicuramente più bella e funzionale, le pulizie quotidiane sono diventate più facili e veloci, la casa è più accogliente per chi la abita e più generosa nei confronti degli ospiti.

Fabiola Di Giov Angelo

Lascia un commento



SIAVS START UP INNOVATIVA A VOCAZIONE SOCIALE



contatto Skype: organizzareitalia
email: info@organizzareitalia.com
APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

Organizzare Italia sostiene quest’anno l’associazione OLTRE LA RICERCA che contribuisce al finanziamento di progetti di ricerca medico-scientifica legati a patologie oncologiche. Per più informazioni: www.oltrelaricerca.org e qui

.