Netiquette: Come salvarsi dai gruppi WhatsApp

Netiquette: Come salvarsi dai gruppi WhatsApp

WhatsApp è una grande comodità, eppure tutti ci lamentiamo di alcuni gruppi improbabili di cui facciamo parte. Ci siamo abituati al continuo suono delle notifiche e la costante interruzione delle nostre attività credendolo un male necessario, ma ne siamo estremamente disturbati.

Per fortuna ci sono alcuni trucchi che ci permettono di sfruttare meglio le sue potenzialità senza venirne fagocitati:

1) Puoi impostare su “silenzioso” le notifiche delle chat di gruppo in una sola operazione, o di un gruppo alla volta, senza dover disattivare la suoneria del telefono. In questo modo non sarai interrotto dai messaggi e deciderai tu quando leggere la chat delle “Mamme del corso di violino”.

 

2) Se crei un gruppo è un buon accorgimento seguire alcune regole:

  • Assegna un nome al gruppo, simpatico ma non troppo lungo, che sia chiaro a tutti e metti un’immagine a tema come foto del profilo
  • Spiega brevemente il motivo per cui hai creato questo gruppo in modo che tutti siano informati su cosa ti aspetti
  • Se crei un gruppo con persone che (ancora) non si conoscono, all’inizio puoi chiedere che ci si presenti cosicché tutti possano associare il numero ad un nome
  • Se il gruppo nasce per lorganizzazione di un preciso evento, una volta raggiunto lo scopo, ringrazia i partecipanti sciogliendo il gruppo. Una volta abbandonato il gruppo, la chat può essere eliminata (approfitta per fare “WhatsApp-clearing” dei gruppi che non sono più attivi, libererai spazio nel telefono e nella testa!).

 

3) Se partecipi ad un gruppo, rispetta tu per primo le regole di Netiquette, ovvero la buona educazione in rete:

  • Scrivi un solo messaggio esaustivo piuttosto che 10 messaggi corti che corrispondono ad altrettante notifiche sonore (per tutti quelli che non hanno letto il punto 1 di questo post!) e per non generare l’ansia in chi si trova la notifica visiva di centinaia di messaggi non letti!
  • Trova il giusto compromesso tra l’essere asciutto ed essenziale e diventare uno “spargi-spam” inviando frequentemente video di gattini per la buonanotte (a meno che il gruppo non si chiami “Il gattino della buonanotte”!). Le battute sono sempre piacevoli, ma attenzione a non perdere il focus del gruppo
  • Se inizi a dialogare con una singola persona di temi che interessano solo voi due, apri una chat privata. Se vuoi rivolgerti ad una persona specifica e decidi di farlo all’interno del gruppo, puoi richiamare la sua attenzione utilizzando il simbolo “@ seguito dal suo nome
  • Tieni presente che non tutti possono sempre ascoltare un messaggio vocale. Se qualcuno scrive che non può ascoltare il messaggio vocale non rispondere con un altro messaggio vocale! In ogni caso non fare monologhi di mezz’ora, a meno che il gruppo di cui fai parte non si chiami “Le favole della buona notte”.

4) Per non perdere informazioni importanti (ad esempio ora e luogo di un appuntamento), memorizzale selezionando il messaggio e cliccando sulla stellina che appare nel menu. Potrai quindi richiamare l’informazione dall’archivio senza scorrere chilometri di chat o peggio, senza richiederla al gruppo. I messaggi contrassegnati come “importanti” vengono mantenuti anche dopo aver cancellato il contenuto della chat (non nella versione da computer!). Se invece cancelli il gruppo, allora anche i messaggi salvati vengono cancellati (questo vale anche per le chat con una persona sola).

 

5) Nelle chat è possibile rispondere ad un messaggio, citandolo. In questo modo, se tardi a dare una risposta e nel frattempo il gruppo è passato ad un altro argomento, puoi contestualizzare la tua risposta senza dover riscrivere mezza chat. Rispondi ad un singolo messaggio all’interno della chat di gruppo solo se anche gli altri componenti devono essere informati della tua risposta, altrimenti è buona regola rispondere privatamente.

 

6) Puoi vedere se un messaggio che hai inviato ad un gruppo è stato ricevuto e letto da tutti i singoli partecipanti. Se stai aspettando una risposta, porta pazienza invece di digitare 10 volte il nome della persona che ancora non ha ancora avuto modo di leggere i messaggi! Se è urgentissimo(lo è davvero?) non affidarti a WhatsApp: chiama!

 

7) Se vuoi comunicare la data di un evento o la vendita promozionale nel tuo negozio a tutti i tuoi contatti, ma non è necessario che i destinatari interagiscano tra loro, usa la funzione “Broadcast”. Ti prego, non creare un gruppo con 1000 sconosciuti!

 

Se vuoi conoscere gli approfondimenti tecnici dei vari punti per sapere come si impostano alcune funzioni di WhatsApp lascia un commento qui sotto e ti spiegherò come fare!

Ale Ziliotto

Ale Ziliotto

Amo la semplificazione e non piace scrivere, quindi sarò breve! Mi piace: – puntare alla leggerezza – viaggiare e conoscere altri punti di vista – prendere il sole – ballare ai concerti – condividere le emozioni Non mi piace: – la prepotenza – la paura che blocca – il perfezionismo Abito a Verona, città che mi permette di avere una buona qualità della vita, abbastanza piccola da farmi venire voglia di conoscere il mondo e abbastanza bella da farmi ritornare!

4 Commenti
  1. ciao ale, grazie per questo post per me molto utile!
    quesito: al punto 5 dici che “è possibile rispondere ad un messaggio citandolo”. come?
    grazie ancora!

    • Ale Ziliotto

      Ciao Enza!
      Per citare un messaggio, devi tenere premuto il messaggio a cui vuoi rispondere e selezionare nel menu che appare la freccia rivolta verso sinistra (Android), su IPhone seleziona “rispondi”.
      Ricorda sempre che così stai rispondendo al messaggio specifico, ma sempre all’interno del gruppo.
      Se hai uno smartphone con sistema Android il menu appare in alto, se hai un IPhone il menu compare subito sopra il messaggio.
      Ciao e grazie!

Lascia un commento



SIAVS START UP INNOVATIVA A VOCAZIONE SOCIALE

contatto Skype: organizzareitalia
email: info@organizzareitalia.com
Qui trovi l'informativa sulla privacy.
Qui puoi cancellarti dalla newsletter.
APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

Organizzare Italia sostiene quest’anno l’associazione OLTRE LA RICERCA che contribuisce al finanziamento di progetti di ricerca medico-scientifica legati a patologie oncologiche. Per più informazioni: www.oltrelaricerca.org e qui

.