Come rimetto a posto il Natale? E i giochi?

Come rimetto a posto il Natale? E i giochi?

Tra pochi giorni è tempo di rimettere a posto gli addobbi natalizi. Non essere triste, perché la vera festa è l’inizio di un nuovo anno da vivere intensamente!

Segui questi consigli per farlo con serenità.

  • Non procrastinare: “l’Epifania tutte le feste porta via!” I detti popolari sono pieni di saggezza: riporre con cura gli addobbi natalizi è un modo per vivere pienamente il qui e ora.
  • Raccogli e scegli. Recupera tutte le decorazioni fuori e dentro casa, puliscile, asciugale e controlla che siano intatte e funzionanti: ripara quel che riesci e butta via tutto ciò che è irrimediabilmente rotto (segui le regole di smaltimento del tuo Comune). Già che ci sei, elimina le decorazioni che non ti piacciono: utilizzale l’anno prossimo come chiudipacco o vendile ai mercatini dell’usato.
  • Organizza. Dividi le decorazioni per categorie (albero, presepe, casa, esterno). Avvolgi gli oggetti delicati in fogli di giornale e riponili in scatole di cartone della giusta misura. Infine, sistema ogni categoria di oggetti (sotto i più pesanti, sopra i più fragili) in un contenitore di plastica trasparente, con coperchio ermetico ed etichetta . Conservali nel “magazzino” di casa (ripostiglio, garage, cantina o soffitta), su uno scaffale in alto e ben visibili.
  • Semplifica. Ora che è tutto finito, pensa ai preparativi delle feste e chiediti: è andato tutto liscio, o qualcosa è stato faticoso? Prendi nota delle difficoltà e cerca una soluzione per l’anno prossimo.

Come rimetto a posto i giochi… coi bambini!

di Emanuela Tirabassi

Ci stiamo avvicinando agli ultimi giorni delle vacanze natalizie. I nostri bambini le hanno tanto attese e ora dobbiamo impegnarci perché la loro conclusione sia serena e ricca di prospettive.

I giocattoli

  • Sicuramente avranno ricevuto tanti nuovi giocattoli: proviamo a valutare con loro se ci sono giocattoli vecchi e rotti da eliminare per fare posto a quelli nuovi. Li avvieremo alla sobrietà e all’essenzialità, che sarà molto utile nella loro crescita.
  • Se ci sono giocattoli che, pur essendo in ottime condizioni, non vengono più utilizzati, proponiamo loro di donarli ad altri. In tanti paesi o città c’è la raccolta per l’Epifania  di giocattoli in buone condizioni da donare ai bambini più poveri o da inviare ad Istituti od Ospedali. Proviamo ad informarci, ci stupiremo di quanto i bambini sappiano essere generosi.
  • In questi giorni i bimbi prediligono spesso i giocattoli a tema natalizio (puzzle, costruzioni, carte, giochi ad incastro, personaggi) ma poi passate le feste non attraggono più. Abbiamo cura di riporli in ordine con tutti i pezzi, mettiamo un’etichetta sulla scatola che ci ricordi il contenuto e conserviamoli fino al prossimo Natale. Quando li andremo a riprendere sembreranno nuovi e saranno una sorpresa gradita: “Che bello!  Me lo ricordo!” Così li aiuteremo nella memoria affettiva.

Per un nuovo inizio

  • Approfittiamo del nuovo anno per partire con una più sana gestione dei giocattoli. Il metodo della “rotazione” è molto educativo ed efficace. E’ sufficiente riporre alcuni dei giocattoli che momentaneamente non sono in uso in uno scatolone (annotando il contenuto) e metterli in soffitta o in cantina . Se i bambini faranno richiesta di un gioco specifico possiamo recuperarlo (ma solo quello). Dopo due o tre mesi apriamo lo scatolone insieme a loro: vedrete che sorpresa! Sapranno apprezzare cose a cui non avevano dato più importanza.
  • Ripetiamo l’operazione con altri giocattoli in modo che ci sia sempre un po’ di sorpresa pronta ad apparire.
  • É anche possibile che di certi giocattoli non sentano mai più la mancanza. Decideremo con loro quale destino dovranno avere: in dono o in beneficenza o nei mercatini del riuso.

Tempo di qualità

  • Certamente nelle feste i bambini hanno passato molto tempo davanti alla TV. Iniziamo l’anno nuovo con una “dose ridotta”  di TV,  cerchiamo attività da fare insieme che lascino il “dolce in bocca” e favoriamo il dialogo. Un po’ di “depurazione”  farà bene a tutti.
  • Preparare con loro qualche dolcetto, non più a forma natalizia ma più ordinari, tipo muffin o biscotti o ciambelline. Rimarrà in loro il ricordo di un bel clima e li aiuterà a passare “all’ordinario” più dolcemente.
  • Cercare storie o fiabe che richiamano la bellezza del quotidiano ed il suo valore e leggerle prima di addormentarsi. Entreranno nella prospettiva serenamente.

Buona fine delle Feste e buon inizio di tante novità!

 Alessandra Noseda e Emanuela Tirabassi

Alessandra Noseda

Alessandra Noseda

Vivo a Tivoli, in provincia di Roma, con un marito fiorentino. Ho compiuto studi di sociologia, comunicazione e organizzazione, che sono da sempre le mie passioni e sono diventate poi la mia vita. Mi piace molto leggere e viaggiare. Adoro guardare e riguardare le commedie d’amore. Mi piacciono le persone, i fiori e le parole. Non sono una sportiva, ma amo camminare ascoltando la musica. Sarei una donna persa senza il navigatore e triste senza cioccolato fondente. Il mio motto: tutto si può fare!

Lascia un commento



SIAVS START UP INNOVATIVA A VOCAZIONE SOCIALE

contatto Skype: organizzareitalia
email: info@organizzareitalia.com
Qui trovi l'informativa sulla privacy.
Qui puoi cancellarti dalla newsletter.
APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

Organizzare Italia sostiene quest’anno l’associazione OLTRE LA RICERCA che contribuisce al finanziamento di progetti di ricerca medico-scientifica legati a patologie oncologiche. Per più informazioni: www.oltrelaricerca.org e qui

.