Come smettere di rimandare!

Come smettere di rimandare!

Sono molte le vittime della tendenza a procrastinare, ossia persone che rimandano continuamente i propri compiti o la realizzazione di un progetto. Pospongono attività poco gradevoli (ma necessarie), evitano le sfide, eludono le attività noiose, compromettendo la possibilità di realizzare aspirazioni e desideri, a scapito della propria vita lavorativa e personale.

Le cause della tendenza a procrastinare sono più di una e spesso si intrecciano tra di loro:

  • si tende a preferire una gratificazione immediata (anche se piccola) a una più lontana nel tempo. Ad esempio, è più facile trarre piacere nello stare sdraiati sul divano (gratificazione immediata) piuttosto che alzarsi per andare a correre, anche se sappiamo che ci ciò donerebbe un fisico più sano (gratificazione futura);
  • una scarsa fiducia nelle proprie capacità, con conseguente difficoltà nel gestire lo stress e la paura di passare all’azione;
  • l’eccessivo perfezionismo: si rimanda all’infinito un compito importante perché si pensa di non avere il tempo o le capacità per eseguirlo in maniera perfetta. E piuttosto che farlo in maniera approssimativa, non lo si fa per nulla;
  • la difficoltà nel trovare nuovi stimoli nei compiti abitudinari e ripetitivi. Se non si è mossi da qualcosa di nuovo e stimolante non si ha la voglia di agire;
  • paura del successo: si ha paura di non meritarselo oppure si teme che gli altri poi si aspettino sempre di più;
  • paura dell’insuccesso: si rimanda all’infinito un compito da affrontare per timore di fallire;
  • un’errata percezione del tempo: si crede di non avere abbastanza tempo a disposizione per svolgere compiti che in realtà sono molto più rapidi di quanto noi pensiamo;
  • rabbia: si può decidere inconsciamente di procrastinare come risposta alle pressioni e alle aspettative altrui;
  • paura di disturbare le altre persone che porta a procrastinare attività in cui sia richiesta l’interazione con alti.

Invece di continuare a procrastinare, è necessario concentrare attenzione e energie su quelle attività che sono in grado di fare la differenza nella vita, senza perdere tempo in inutili distrazioni.

Con un po’ di buona volontà, tutti sono in grado di imparare di impiegare le proprie risorse in maniera più efficace, concentrandosi a fondo sui compiti più importanti, fino a portarli a termine.

È necessario questo sforzo iniziale, per perdere l’abitudine a procrastinare, al fine di raggiungere uno stile di vita più gratificante e di successo.

smettere-di-rimandare-binario-oi

Ecco allora alcuni accorgimenti che si possono seguire per smettere di procrastinare e cominciare a agire:

  • dividete un compito impegnativo in piccole fasi e concentratevi su uno step alla volta. Mentalmente, è più facile affrontare tante piccole attività piuttosto che una lunga e complicata;
  • segnate già il primo passo da affrontare sul calendario o in agenda, in modo da avere una scadenza da rispettare;
  • usate la tecnica del pomodoro, per ridurre il lavoro da affrontare in tanti piccoli intervalli, in cui è più semplice rimanere concentrati;
  • seguite il metodo “eat that frog”: ogni giorno, affrontate per primi i compiti più difficili per poi togliervi il pensiero e dedicarvi ad attività più semplici. In questo modo, il resto della giornata sembrerà in discesa;
  • fate una lista delle priorità e degli obiettivi che volete raggiungere, mettendo nero su bianco quali sono le attività necessarie per arrivare a tali traguardi;
  • in ogni momento della giornata, abituatevi a porre a voi stessi questa domanda: “ciò che sto facendo in questo momento, mi è utile? Mi sta avvicinando ai miei obiettivi?”;
  • dichiarate apertamente (agli amici, ai familiari, ai colleghi) i vostri impegni e entro quando avete intenzione di portarli a termine: una volta data la vostra parola vi dovrete mettere di impegno per non venirne meno;
  • assecondate le vostre predisposizioni naturali: se si è più efficienti di mattina, è meglio svegliarsi un’ora prima per portare a termine i propri compiti. Se si è più socievoli la sera, si possono fissare dopo cena incontri e uscite di gruppo;
  • pensate al vostro “sé futuro” e cercate di immaginare cosa si possa fare per rendere la vostra vita futura più semplice, felice e gratificante, senza cercare di trovare sempre la via più facile per il “sé presente”;
  • se c’è un compito che rimandate spesso perché vi sembra lunghissimo da portare a termine (cosa che può capitare con i lavori noiosi), provate a cronometrarvi e magari vi renderete conto che in realtà impiegate molto meno del previsto;
  • fissate una piccola ricompensa per i compiti portati a termine: naturalmente, gli obiettivi devono essere realistici e le ricompense adeguate;
  • circondatevi di persone che siano brave nel fare ciò che voi tendete a rimandare. Il loro esempio vi darà maggiore forza;
  • per i maniaci della perfezione: ricordatevi che fatto “abbastanza bene” è sempre meglio di un compito non svolto. Se poi vi rimarrà ancora tempo e voglia potrete perfezionare il risultato ottenuto in un secondo momento;
  • perdonatevi: se succede di rimandare un’attività importante, perdonatevi subito e mettetevi all’opera, senza alimentare i sensi di colpa che portano a rimandare ulteriormente;
  • abituatevi all’idea che non si può sempre aspettare di essere dell’umore adatto per affrontare un’incombenza: va fatta e basta. Quindi meglio cercare di non pensare a come si sta e concentrarsi piuttosto sulla prima azione da fare;
  • eliminate le distrazioni mentre svolgete le vostre attività, ad esempio televisione e telefoni nella stanza in cui si lavora o si studia.

Ricordatevi che la forza di volontà è come un muscolo: più la allenate e sempre meno fatica farete a usarla in futuro!

Linda Rossi

Linda Rossi

Mamma, moglie, impiegata bancaria e blogger. Imparando a fare ordine attorno a me, ho cambiato la mia vita in meglio. Ora, sono qui per condividere con voi tutto ciò che ho imparato. Se lo desiderate, mi trovate anche su Nuoveabitudini.com

Lascia un commento



SIAVS START UP INNOVATIVA A VOCAZIONE SOCIALE

contatto Skype: organizzareitalia
email: info@organizzareitalia.com
Qui trovi l'informativa sulla privacy.
Qui puoi cancellarti dalla newsletter.
APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

Organizzare Italia sostiene quest’anno l’associazione OLTRE LA RICERCA che contribuisce al finanziamento di progetti di ricerca medico-scientifica legati a patologie oncologiche. Per più informazioni: www.oltrelaricerca.org e qui

.