Evento APOI 2016 e l’organizzazione, anche della mente

Evento APOI 2016 e l’organizzazione, anche della mente

Anche quest’anno APOI, Associazione Professional Organizers Italia, organizza l’evento nazionale ‘Impara ad organizzarti… divertendoti!’, sabato 8 ottobre a Roma, presso La Città dell’Altra Economia a Testaccio. Questo format viene proposto ogni anno in una città diversa (evento APOI 2015 a Milano), un modo itinerante per portare in tutta Italia il messaggio a cui teniamo molto: lorganizzazione personale è importante, è uno strumento necessario per vivere in maniera focalizzata, attenta e soddisfacente, l’abilità organizzativa può essere allenata, proprio come un muscolo.
Nel corso del pomeriggio i visitatori, gratuitamente (registrazione qui), potranno assistere a tutorial di tutti i tipi: da come sistemare gli armadi a come condurre una riunione efficace, da suggerimenti per vivere più leggeri a consigli per gestire meglio i figli. Potranno poi interagire con i Professional Organizers presenti (anche tutto il team di Organizzare Italia ci sarà!), fare domande e chiedere un supporto personalizzato. La giornata è divertente e spensierata (guarda il video dello scorso anno), si respira un’aria di passione ed entusiasmo, dovuta ai professionisti presenti, ma anche e soprattutto ai visitatori curiosi e aperti.
Indubbiamente la riuscita di quest’evento -in qualsiasi città venga proposto- dimostra come l’argomento ‘organizzazione personale’ stia a cuore a molti, e come ci sia un sempre maggiore bisogno di risposte organizzative per poter affrontare le nostre pesanti giornate tra impegni, cose da fare, richieste e sollecitazioni esterne.
Mai nella storia dell’uomo un individuo ha avuto accesso e ha potuto ricevere così tante informazioni come oggi, mai si è trovato a dover e poter scegliere tra tante opzioni, mai ha avuto la possibilità di contornarsi di così tanti oggetti nei propri spazi e probabilmente mai si è trovato ad affrontare così tanti impegni e ricevere così tante richieste.

copertina-fb-roma-2016
In questo periodo quindi il nostro cervello, frutto di un’evoluzione di milioni di anni, si trova ad affrontare una realtà a cui non è abituato e a cui non può rispondere dal punto di vista evolutivo in tempi così rapidi. Si dice che sono state prodotte più informazioni negli ultimi 30 anni che nei precedenti 5.000 e che nel 17esimo secolo una persona affrontava in un vita la quantità di informazioni che troviamo in un giornale della domenica.
E il nostro povero cervello come risponde?
Nel mio libro ‘Facciamo Ordine‘ riprendo una frase di John Medina: ‘Abbiamo creato ambienti di lavoro d’ufficio molto stressanti, anche se un cervello stressato è notevolmente meno produttivo. […] Tutto ciò sarebbe comico se non fosse così dannoso. La responsabilità sta nel fatto che raramente gli scienziati che studiano il cervello dialogano con insegnanti e professionisti del mondo del lavoro, con educatori e ragionieri, con provveditori agli studi e amministratori delegati di aziende.’
Tutti gli sforzi profusi per organizzarci meglio e tutto il tempo dedicato a gestirci meglio vanno quindi a beneficio della nostra mente, che non può riuscire altrimenti a dedicare la giusta attenzione alle cose importanti.
Prendersi il tempo per organizzarsi quindi significa dare una mano ai nostri neuroni: il cervello richiede più del 20% del totale dell’energia da noi consumata, a fronte di un 2% di peso rispetto al resto del corpo. Quindi spende parecchio, consuma tanto carburante. Per  farlo viaggiare a risparmio energetico, ed avere così l’energia a disposizione proprio quando ci serve e non rischiare di rimanere a secco, è necessario adottare delle strategie. Si tratta quasi di strategie di sopravvivenza, per non soccombere al sovraccarico di input esterni (ma anche interni)!
L’invito è quindi: rispetta il tuo cervello e aiutalo, attraverso un’organizzazione soddisfacente. Ma anche: vieni a trovarci a Roma, alle 17:45 terrò il workshop “Mente organizzata, meno stressata”. Ti aspetto!

Sabrina Toscani

Sabrina Toscani

Fondatrice di Organizzare Italia, co-fondatrice e presidente dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI. Sono stata tra i primi ad introdurre il professional organizing in Italia, ho creato il primo ente di formazione per Professional Organizers e sono autrice del primo libro italiano del settore, edito da Mondadori.

Lascia un commento



SIAVS START UP INNOVATIVA A VOCAZIONE SOCIALE

contatto Skype: organizzareitalia
email: info@organizzareitalia.com
Qui trovi l'informativa sulla privacy.
Qui puoi cancellarti dalla newsletter.
APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

Organizzare Italia sostiene quest’anno l’associazione OLTRE LA RICERCA che contribuisce al finanziamento di progetti di ricerca medico-scientifica legati a patologie oncologiche. Per più informazioni: www.oltrelaricerca.org e qui

.