Abbonati

Progetta il tuo nuovo garage!


“Il garage è una delizia per le persone che amano accumulare oggetti vecchi e inutili. Conosco persino una famiglia che si è trasferita in una casa con 2 garage, semplicemente perché aveva bisogno di più spazio per custodire le cianfrusaglie!”

La britannica Karen Kingston, massima esperta di Space Clearing dagli anni ’70 e punto di riferimento in tutto il mondo, ha un’idea ben precisa sul garage e la sua esperienza la dice lunga su quello che si arriva a fare pur di custodire gelosamente i propri oggetti.

Il garage per definizione è un locale (autorimessa o box) dove si custodiscono i veicoli, ma ormai è un luogo usato più comunemente per depositare oggetti alla rinfusa.

Continua Kingston: “Di questo passo aggiungeremo una “b” e rinomineremo questo luogo garbage (spazzatura) e non più garage!”

E tu, cosa ne dici,  è arrivato finalmente il momento di mettere mano al tuo garage?

Nelle scorse settimane hai visto come prendere in esame lo spazio e fartelo amico , come sgomberarlo con il decluttering in 10 mosse , e hai ancora l’occasione di acquistare l’ebook “Il mio garage”  di Sabrina Toscani per scoprire tutti i trucchi per rinnovarlo.

Oggi qualche riflessione in più per iniziare a progettare e dargli finalmente la nuova vita che merita!

Quanti oggetti custodisci nel tuo garage che ti legano a eventi del passato e quanti invece ti tengono nel presente?

Fai un rapido test e stima in percentuale quanti oggetti conservi che appartengono ai (bei) vecchi tempi.

Secondo l’esperienza di Kingston, gli oggetti portano energia o la tolgono. Tutto quello che conserviamo riflette in un modo o nell’altro quello che siamo e se continuiamo a conservare oggetti vecchi che appartengono al nostro passato, non viviamo il presente e non facciamo spazio al nuovo e al futuro.

“Quando il tuo spazio è pieno di troppe cose del passato, l’energia ristagna e ci sarà una corrispondente stagnazione in qualche aspetto della tua vita.” Provare per credere.

Fortunatamente è anche vero che spesso non siamo legati emozionalmente agli oggetti che depositiamo in garage e se sono lì da molto tempo probabilmente saranno deteriorati a tal punto da essere inutilizzabili. In questo caso liberarsene è sicuramente più facile, basta iniziare!

progetta il tuo garage_GARAGE EDITION

E se invece ci sono degli oggetti a cui sei affezionato? Bè ma allora perché stanno in garage a fare la muffa invece di avere un posto d’onore, pulito e più a portata di mano?

Spesso ci convinciamo di avere un legame con qualcosa e proviamo dolore all’idea di separarcene perché è come se lasciassimo andare un pezzo di noi stessi. Ma non è riduttivo legare la nostra identità a un oggetto? Noi siamo molto di più, e soprattutto siamo in continua evoluzione. Continuare a mantenere in vita un passato che non ci appartiene più, ci impedisce di aprirci al nuovo e assecondare quello che siamo in questo momento. Sarebbe davvero un peccato vivere una vita che non è (più) la nostra!

“Nessuno degli oggetti del passato, anche quelli a cui siamo più affezionati, possono sostituire una vita vissuta appieno oggi.” conclude la Kingston.

Non è forse vero che quando facciamo un acquisto nuovo, ad esempio una nuova macchina, ci liberiamo prima di quella vecchia? La sostituiamo perché non funziona più bene, perché è obsoleta, perché non risponde più alle nostre esigenze. Ecco, lo stesso vale con gli altri oggetti: inutile accatastare cose che hanno esaurito la loro funzione e che ci portano via spazio vitale, energie e ci impediscono di proiettarci in avanti.

Oggi è il giorno giusto per dare il via ai tuoi progetti, pensa cosa vuoi fare nel tuo (nuovo) garage.

Ripuliscilo dall’energia vecchia e pianifica quelle attività che desideri da tempo! Vuoi un laboratorio o un’officina dove costruire oggetti o un luogo di pace dove dedicarti al tuo hobby? O magari semplicemente vuoi rimettere l’auto nel posto che le spetta di diritto?

Qualunque sia la tua motivazione vivi quello che desideri oggi, libera il garage dalle cose vecchie che non ti servono più e progetta la tua vita presente! E tutte le volte che vedrai un oggetto e ti verrà da dire lo tengo perché “non si sa mai”, abbi più fiducia nelle tue risorse e vedrai che all’occorrenza saprai trovare la soluzione che ti serve. Buon lavoro!

Paola Tursi

Ho imparato l'importanza dell'organizzazione quando ero una producer di documentari. Poi ho capito che avrei voluto mettere la mia esperienza a disposizione di chi desidera giornate più chiare e distese. L’ambizione più grande è quella di aiutare a migliorare la qualità della vita e delle relazioni e aumentare produttività e positività. Sono associata APOI dal 2015.

1 commento

Lascia un commento

APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

BCorp

Organizzare Italia è una Certified B Corporation®, un network globale di aziende e persone che usano il business per risolvere problemi sociali e ambientali. Le B Corporation competono per essere non solo le migliori al mondo, ma le migliori per il mondo! Scopri di più

Organizzare Italia sostiene quest’anno l’associazione OLTRE LA RICERCA che contribuisce al finanziamento di progetti di ricerca medico-scientifica legati a patologie oncologiche. Per più informazioni: www.oltrelaricerca.org e qui .

Newsletter

scrivi SI
* = campo richiesto!
Contact Form Powered By : XYZScripts.com