Abbonati

L’importanza di un buon piano


Lo scrittore ed insegnante statunitense Dale Carneige (1888-1955) – promotore di numerosi corsi sullo sviluppo personale, sulla vendita e sulla leadership – raccontava questa storiella:

“Due uomini erano nel bosco per tagliare la legna.

Il primo lavorò duramente per tutto il giorno, senza prendersi alcuna pausa e fermandosi soltanto per un rapidissimo pranzo.

Il secondo taglialegna si prese invece molte pause durante la giornata e fece pure un riposino dopo il pasto di mezzogiorno.

Arrivati a sera, il primo spaccalegna fu piuttosto contrariato nel constatare che l’altro non solo era molto più riposato, ma aveva tagliato anche tanti più alberi rispetto a lui. Così gli fece notare: ‘Non capisco. Ogni volta che mi guardavo attorno, tu te ne stavi seduto e ciononostante hai spaccato più legna di me’. Al che il compagno rispose: ‘Non hai notato che mentre me ne stavo seduto, io affilavo la mia ascia?’

Prima di Carneige, Abramo Lincoln (1809-1865) utilizzò la stessa metafora, quando affermò: “Se io avessi 60 minuti di tempo per tagliare un albero, utilizzerei i primi 40 minuti per affilare la lama dell’ascia ed i successivi 20 per abbattere l’albero”.

Sulla base di questi racconti, anche Stephen R. Covey – autore del bestseller “Le 7 regole per avere successo” –  ricorda l’importanza di “affilare la lama”, ossia prendersi del tempo per pianificare un lavoro e preparare gli strumenti necessari prima di apprestarsi a svolgerlo.

In questo senso, si può capire come prendersi del tempo prima di affrontare qualsiasi lavoro, sia necessario per non perdere tempo dopo.

pianificare

Infatti, prima di apprestarci a svolgere qualsiasi compito, è fondamentale una buona pianificazione scritta, in quanto ci permette di:

  • stabilire quali siano gli obiettivi a breve e a lungo termine;
  • prendere decisioni più velocemente ed in maniera più efficace in caso di imprevisti;
  • calibrare i tempi in maniera efficiente, per non trovarsi con l’acqua alla gola a dover svolgere tutto il compito negli ultimi giorni (o ore) disponibili;
  • dare la priorità alle questioni più importanti, evitando di perdere troppo tempo dietro a problemi e compiti di secondaria importanza;
  • ridurre l’ansia derivante dal non sapere quale possa essere il passo successivo da svolgere;
  • tenere traccia di tutto il lavoro rimasto da svolgere, evitando il rischio di scordarsi qualcosa;
  • prendersi la responsabilità di quanto scritto nero su bianco e non sottrarsi al proprio dovere;
  • avere una visione d’insieme dei progetti e delle attività da svolgere, per poter coordinare agevolmente mezzi e persone che contribuiscono al lavoro;
  • anticipare eventuali limiti ed ostacoli che si potrebbero trovare lungo il percorso, studiando per tempo soluzioni e/o vie alternative.

Affinché tutto ciò sia possibile, una pianificazione deve essere:

  • chiara e facilmente condivisibile da tutti, soprattutto nel momento in cui il lavoro da svolgere riguarda più persone;
  • messa per iscritto, per acquisire maggiore autorevolezza e trasparenza nei confronti di tutti coloro che sono coinvolti nel progetto da portare a termine;
  • flessibile: per potersi adattare alle situazioni contingenti non prevedibili a priori. Una volta fissati gli obiettivi principali su cui non transigere, un buon piano deve permettere  di cambiare agevolmente le questioni di secondaria importanza a seconda delle necessità del momento. Una programmazione non troppo rigida ci consente di avere una sensazione di sicurezza senza però ansia da prestazione;
  • continuamente aggiornata: per quanto detto qui sopra, una buona pianificazione deve essere costantemente revisionata e monitorata.

Pianificare e programmare sono la garanzia di un lavoro portato a compimento senza stress, con risparmio di tempo e di energia, in qualsiasi ambito di vita, lavorativa e personale.

E voi come vi apprestate ad affrontare un nuovo progetto? Cominciate subito a spaccare la legna o vi prendete il tempo per affilare la lama?

Linda Rossi

Mamma, moglie, impiegata bancaria e blogger. Imparando a fare ordine attorno a me, ho cambiato la mia vita in meglio. Ora, sono qui per condividere con voi tutto ciò che ho imparato. Se lo desiderate, mi trovate anche su Nuoveabitudini.com

Lascia un commento

APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

BCorp

Organizzare Italia è una Certified B Corporation®, un network globale di aziende e persone che usano il business per risolvere problemi sociali e ambientali. Le B Corporation competono per essere non solo le migliori al mondo, ma le migliori per il mondo! Scopri di più

Organizzare Italia sostiene quest’anno l’associazione OLTRE LA RICERCA che contribuisce al finanziamento di progetti di ricerca medico-scientifica legati a patologie oncologiche. Per più informazioni: www.oltrelaricerca.org e qui .

Newsletter

scrivi SI
* = campo richiesto!
Contact Form Powered By : XYZScripts.com