Abbonati

Metodo Konmari, ovvero il magico potere del riordino


Il metodo Konmari è sbarcato in Italia e a quanto pare dalle vendite (e dai vari riscontri in rete) del relativo libro ‘Il magico potere del riordino – il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita’ (di Marie Kondo – Ed. Vallardi) pare avere un discreto successo. Cosa ha questo metodo che piace così tanto?
A mio parere ci alcuni punti validi e altri meno:cover

  • L’approccio piuttosto categorico non da possibilità di soluzioni intermedie, o è bianco o è nero punto. Per noi italiani che vediamo tutto a sfumature individuali è un modo di vedere le cose molto affascinante, anche se forse non sempre funzionale per la nostra mentalità.
  • Il metodo esorta a puntare alla perfezione, noi italiani così abituati all’approssimazione sentiamo un senso di attrazione, fascino e forse un po’ di invidia. Anche in questo caso però non sono proprio convinta che l’approccio sia vincente rispetto alla nostra forma mentis.
  • Non suggerisce un metodo personalizzato, ma impone un metodo valido per tutti. E allora se va bene per altri perché non dovrebbe andar bene anche per me? Vale la pena provare.
  • Buttare via tutto: anche qui pochi mezzi termini, i sacchi di immondizia devono essere colmati e buttati senza alcun tentennamento. Il lato emozionale non viene molto preso in considerazione, così come la seconda vita da donare agli oggetti, che non per forza devono finire tutti in discarica.
  • La Kondo ci consiglia di riordinare tutto per categorie: sicuramente è uno dei sistemi adottabili, ma non è l’unico e nemmeno l’unico che funziona. Ma soprattutto le categorie prese in esame sono ovviamente molto giapponesi e talvolta poco applicabili alla nostra realtà.
  • Un’altra delle regole suggerite è: la casa dei vostri genitori non può diventare un rifugio dei ricordi. Con questo punto concordo appieno, perché far scontare ai nostri cari le nostre decisioni non prese? Hanno diritto anche loro, come noi, di vivere i propri spazi (anche se grandi) come vogliono, senza influenze esterne.
  • Non posso poi non essere  d’accordo con la regola ‘decidete la collocazione per ogni cosa’; se non volete perdere minuti preziosi a cercare le cose questo è l’unico metodo valido.
  • L’assoluto distacco dalle teorie sul flusso di lavoro e sulla frequenza d’uso mi lascia invece piuttosto perplessa. Nella mia concezione la giornata è un continuo flusso di attività e più queste sono fluide più lo stato d’animo è piacevole. Inoltre favorire la vicinanza degli oggetti che usiamo più di frequente mi sembra sensato.
  • Anche l’eliminazione di contenitori e divisori non mi esalta; sicuramente non serve averne troppi, ma il giusto numero può essere di grande aiuto nella gestione dell’organizzazione.
  • Infine la teoria fondamentale del libro mi trova completamente concorde: eliminare ciò che non serve e organizzare ciò che rimane può avere un effetto veramente magico sulla nostra vita. L’ho visto, e me l’hanno confermato i miei clienti, e lo rivivo ogni giorno su di me. E su di te che effetto ha il riordino? Hai letto il libro?

Sabrina Toscani

Fondatrice di Organizzare Italia, co-fondatrice e presidente dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI. Sono stata tra i primi ad introdurre il professional organizing in Italia, ho creato il primo ente di formazione per Professional Organizers e sono autrice del primo libro italiano del settore, edito da Mondadori.

2 Commenti
  1. Si, ho letto il libro e l’ho trovato magico davvero. Per una disordinata, disorganizzata e abituata a tenere tutto come me, è stato veramente una scoperta eccezionale; mi ha aiutata a buttare cose assolutamente inutili e ad abbellire e a riappropriarmi di alcuni spazi e ad essere più consapevole dei miei gusti personali. Forse non ho analizzato troppo a fondo tutti gli aspetti perché mi sono lasciata prendere dall’entusiasmo. Adesso però che ho scoperto l’utilità del riordino, mi sono scoperta ad esserne diventata quasi schiava e mi serve un aiuto poiché non essendo l’ordine una delle mie attitudini e non avendo sviluppato nemmeno l’abitudine al riordino, trovo difficile metterlo in atto. Ho scoperto solo ieri il vostro sito e ne sono stata affascinata, penso che lo consulterò spesso in futuro e vorrei avere qualche aiuto per riorganizzare la mia nuova casa che dobbiamo ancora sistemare in diverse aree.

    • Buongiorno Grazia!
      Grazie per aver commentato il nostro articolo e sono felice di sapere che la scoperta dell'”ordine” ha avuto un forte impatto sulla sua vita.
      Impostare sistemi organizzativi che aiutino a mantenere un ordine duraturo è una bella sfida, e la nostra professione è nata proprio per questo.
      Se ha piacere i nostri Professional Organizer sono a disposizione per un’ora di consulenza gratuita, per potersi confrontare e chiedere consigli.
      Di dove è? In queste settimane siamo tutti un po’ in vacanza, ma comunque se vuole possiamo valutare.
      Grazie ancora e buona giornata
      Sabrina

Lascia un commento



SIAVS START UP INNOVATIVA A VOCAZIONE SOCIALE



contatto Skype: organizzareitalia
email: info@organizzareitalia.com
APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

Organizzare Italia sostiene quest’anno l’associazione OLTRE LA RICERCA che contribuisce al finanziamento di progetti di ricerca medico-scientifica legati a patologie oncologiche. Per più informazioni: www.oltrelaricerca.org e qui

.