Per quanto tempo conservare le bollette

Per quanto tempo conservare le bollette

Nel ripulire e riordinare i documenti, a casa come in ufficio, ci si trova sempre a fare i conti con le bollette.

Le fatture di energia elettrica, acqua, gas e telefono devono essere conservate per obbligo di legge per 5 anni dalla data di scadenza del documento (termine che aumenta se ci sono contestazioni in corso).  Per poter contestare eventuali solleciti da parte dei fornitori si consiglia anche di conservare le relative ricevute di pagamento per 6 anni.

Trascorso questo tempo le bollette e le relative ricevute di pagamento possono essere gettate (nel cassonetto per il riciclo della carta, tagliate a pezzi per evitare di lasciare  i dati personali).

Tutti i fornitori danno la possibilità di ricevere le fatture via e-mail, soluzione ottima per evitare di accumulare troppa carta e per facilitare l’archiviazione. Anche in questo caso i documenti devono essere conservati con i termini sopra indicati.

Sabrina Toscani

Sabrina Toscani

Mi piace la semplicità, coltivo l’essenzialità, provo a evitare il superfluo, mi sforzo di concentrarmi su ciò che è importante per me. Mi applico con serietà e rido con facilità, adoro l’ironia e credo che in fondo tutto sia un gioco. Penso che le regole e la disciplina facilitino la vita e che il rispetto e la determinazione aiutino a raggiungere gli obiettivi. Ammiro le persone spontanee e autentiche, mi emoziono per tante cose, ma soprattutto al sorriso dei miei figli.

1 commento
  1. Provate questo.. Vi aiuterà!

    http://www.facebook.com/gestionericevute

Lascia un commento



SIAVS START UP INNOVATIVA A VOCAZIONE SOCIALE

contatto Skype: organizzareitalia
email: info@organizzareitalia.com
Qui trovi l'informativa sulla privacy.
Qui puoi cancellarti dalla newsletter.
APOI

Professione regolamentata dalla Legge 4/2013 - Organizzare Italia è partner accreditato e organo di formazione dell'Associazione Professional Organizers Italia APOI e aderisce al suo Codice Etico.

Organizzare Italia sostiene quest’anno l’associazione OLTRE LA RICERCA che contribuisce al finanziamento di progetti di ricerca medico-scientifica legati a patologie oncologiche. Per più informazioni: www.oltrelaricerca.org e qui

.